Annullato il settimo Raduno nazionale ANPS

Il Raduno nazionale 2017 non si farà. Lo diciamo in maniera chiara, semplice e molto sofferta. Tutto questo a causa di concreti problemi logistici e tecnici, riscontrati nella scelta della sede ufficiale a Catania, città che avrebbe potuto ospitarci nel mese di giugno e che, invece, dopo quattro mesi ha comunicato la propria indisponibilità. Tutto ciò è stato descritto in un editoriale sulla rivista ufficiale Fiamme d’Oro; non si vuole alimentare nessuna polemica, ma era doveroso chiarire e descrivere esattamente come si è conclusa la vicenda in quella località.

 

Successivamente, in accordo con il Capo della Polizia, abbiamo optato per la città Bari quale alternativa al nostro Raduno, facendo slittare l’evento al mese di settembre; questo per completare, nei tempi e modi giusti, l’iter organizzativo. Purtroppo, “il G7 Finanze”, che si è svolto a Bari dall’11 al 13 maggio, ha determinato delle necessarie priorità per l’Amministrazione comunale, che ha dovuto concentrare tutte le sue attività sull’evento internazionale. Ciò ha comportato che, per ulteriori tre mesi, non abbiamo potuto ricevere nessun tipo di attenzione dagli Organi cittadini, tale da poter concretizzare un programma certo.

 

A questo punto, l’organizzazione della nostra manifestazione sarebbe iniziata con evidenti ritardi, rischiando di compromettere la buona riuscita della stessa, anche in relazione ad una partecipazione fortemente diminuita, in termini numerici. Per questo motivo, il Consiglio Nazionale ANPS ha deciso di annullare il Raduno nazionale 2017, preferendo destinare risorse, energie e più consistente affluenza, all’organizzazione di un evento ancora più importante: il 50esimo anniversario di fondazione della nostra Associazione, previsto per il 2018.

 

Ci scusiamo con tutti i Soci per ogni eventuale disguido creato, ma abbiamo ritenuto necessario sospendere l’evento e fermare la macchina organizzativa, per evitare un’inutile corsa contro il tempo che, peraltro, avrebbe prodotto risultati non adeguati all’importanza della manifestazione. Lo stesso Consiglio Nazionale ha già avviato una prima programmazione di idee da concretizzare, per celebrare nel miglior modo possibile questi nostri “primi” 50 anni, e fra non molto potremo essere in grado di fornire alcune di queste ipotesi di massima, realmente realizzabili, attraverso i canali d’informazione istituzionali. Con l’occasione, invitiamo tutti a formulare proposte e suggerimenti da inviare alla Presidenza Nazionale, per un globale studio di fattibilità.