A Peschiera del Garda per i nostri primi 50 anni

Giovedì 15 febbraio 2018, presso la Scuola Allievi della Polizia di Stato, nell’ambito delle iniziative per il Cinquantenario ANPS, si è svolto l’incontro tra le Sezioni del Triveneto e il Capo della Polizia. Presenti anche alcune Sezioni della Lombardia e dell’Emilia, per un totale di 31 Sezioni rappresentate. L’aula magna gremita di Soci e Poliziotti ha accolto il Prefetto Franco Gabrielli, il Direttore centrale per gli Affari Generali della Polizia Filippo Dispenza, il Questore di Verona Ivana Petricca e il Presidente Nazionale ANPS Claudio Savarese. Il Direttore della Scuola Gianpaolo Trevisi ha fatto gli onori di casa, rimarcando l’importanza della Scuola che rappresenta per gli Allievi l’inizio verso la carriera in Polizia.

 

Le parole del Presidente Savarese

Nel suo discorso, il Presidente Savarese ha sottolineato il crescente impegno dell’Associazione nell’impegno sociale in favore di realtà territoriali in difficoltà, come ad esempio le aree colpite dall’ultimo terremoto nel centro Italia. Savarese ha inoltre rivolto un ringraziamento alle famiglie, alle moglie e ai figli dei poliziotti, per essere stati sempre accanto con amore, pazienza e, soprattutto, comprensione.

 

Il discorso del Capo della Polizia

Il Capo della Polizia ha ricordato che l’ANPS rappresenta oggi una realtà viva e vitale al servizio di chi vive e lavora in Polizia ma, soprattutto dell’intera società. “Sempre più spesso – ha detto Gabrielli – i Soci sono impegnati nelle emergenze sociali e in quelle territoriali, ma anche nei servizi di vigilanza in favore dei bambini al di fuori degli edifici scolastici. Per queste e altre attività, L’ANPS è depositaria delle forti tradizioni della nostra Polizia di Stato”. Concludendo, il Capo della Polizia ha affermato che “Non si può guardare al futuro senza conoscere il passato, e voi Soci ANPS ne siete custodi e propulsori; allo stesso tempo, siete testimoni del cambiamento che deve vedere sempre l’Associazione al fianco del cittadino, secondo le mutate esigenze sociali”.

 

I premiati

Al termine, sono state assegnate le medaglie ai Soci iscritti da 50 anni e a coloro che si sono distinti per particolari meriti in ambito civile. Tra i premiati, Lorenzo Manigrasso, quale socio più anziano della Sezione di Padova, che nonostante la sua invalidità non ha rinunciato a partecipare all’incontro. Con grande commozione, il Capo della Polizia e Il Presidente ANPS hanno incontrato Maria Teresa Turazza, madre delle medaglie d’oro Massimiliano e Davide, deceduti in servizio nel 1994 e nel 2005.

 

Il crest per Doppia Vela Solidale

Nel corso della mattinata, è stato consegnato il crest ANPS all’imbarcazione di Doppia Vela SolidaleQuesto importante progetto coinvolge giovani che per varie problematiche sociali, di giustizia o dipendenza da sostanze, molto spesso vedono l’Istituzione Polizia lontana, se non addirittura nemica. Con le attività sulla barca, i ragazzi, oltre ad imparare la conduzione di un mezzo a vela, apprendono i lavori e la vita di bordo e riescono a gestire rapporti ed emozioni tra loro e con l’equipaggio ma, soprattutto, acquisiscono la consapevolezza di dover seguire le regole e, di conseguenza, nasce anche il rispetto per l’Istituzione. Il progetto è nato dalla passione per la vela di due poliziotti e dal contributo della Fondazione Cariverona, che ha permesso l’acquisto della barca a vela ora ormeggiata sul Lago di Garda.

 

Clicca qui per la gallery completa.