Commemorazione Petri e Cittadinanza onoraria alla Polizia

Il Comune di Castiglion Fiorentino, in occasione dell'anniversario della morte del Sovrintendente capo della Polizia di Stato Emanuele Petri, Medaglia d’oro al valor civile, ha promosso una serie di iniziative commemorative per celebrarne il ricordo e l’insegnamento.


Quest’anno, inoltre, in concomitanza della ricorrenza, l’Amministrazione comunale ha consegnato al Capo della Polizia la cittadinanza onoraria del Comune. La mattina del 2 marzo 2016, nella piazzetta della stazione ferroviaria che la cittadinanza di Castiglion Fiorentino ha intitolato a Petri, si sono raccolti numerosi soci ANPS di Arezzo, tutte le più importanti figure istituzionali, quelle sindacali e soprattutto chi l’aveva conosciuto o ne aveva condiviso il servizio attivo. A differenza degli altri anni, una mattinata soleggiata ha accolto i partecipanti e la composta presenza di una scolaresca di Castiglion Fiorentino con il sindaco junior che ha accolto l’arrivo di Alma, la vedova di Petri, assieme al figlio poliziotto Angelo.

 

In un clima di partecipata solennità due operatori della Polizia Ferroviaria, specialità di appartenenza di Emanuele, hanno deposto una corona di alloro sul cippo posto all’ingresso della stazione. Sulle note del silenzio, nella commozione dei molti presenti, “l’immagine di Lele ” ha campeggiato ancora sul filo del ricordo e della memoria. Hanno preso la parola brevemente il Sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli e il Questore Enrico Moja, che si sono soffermati sulla figura di Emanuele, sul suo impegno civile nel volontariato e nel servizio di polizia, sui valori della solidarietà e del senso del dovere praticati nell’agire quotidiano. Il ritratto di un uomo comune, che, padre, marito e poliziotto ci ha lasciato, quale testimone del suo passaggio terreno, l’esempio di quella nitida normalità che è la sola vera forza dei giusti. Dopo la breve cerimonia, è stata celebrata presso la raccolta chiesetta della Madonna del Rivaio, accompagnata dal coro della Polizia, una messa solenne in onore di Petri e dei Caduti della Polizia.

 

Nel primo pomeriggio, il Capo della Polizia Alessandro Pansa ha incontrato nella Sala Petri della Questura il personale e una rappresentanza consiliare dell’ANPS. Con l’affabilità e la semplicità signorile che ne contraddistingue il tratto, si è intrattenuto sulle iniziative governative che sono in previsione a favore della Polizia. 

 


Alle 17,00, raggiunto il Comune di Castiglion Fiorentino, nella gremita Sala Consiliare, si è tenuta la cerimonia della consegna della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato. Il Sindaco Mario Agnelli, ricordando i profondi legami cittadini con la Polizia a partire dalla condivisione del santo patrono S.Michele Arcangelo, ha espresso tutta la gratitudine cittadina per la funzione di tutela, di controllo e di prevenzione che la Polizia esercita quotidianamente sul territorio e che ha visto nell’estremo sacrificio di Emanuele Petri la massima espressione di dedizione e di senso del dovere.

 


Il Prefetto Pansa, nel dichiararsi onorato di ricevere l’alto riconoscimento che gratifica la funzione della Polizia, ha evidenziato come esso sia il frutto della forte empatia che gli uomini dell’Istituzione godono verso la società civile. Il loro costante impegno per l’affermazione della legalità, per la salvaguardia della sicurezza sociale e per la tutela della libera convivenza, accompagnato dallo spiccato senso del dovere e dai rischi che spesso il servizio comporta, sono ormai divenuti espressione di una professionalità operativa che trova esplicito riconoscimento in larghissimi strati della collettività.