L'ANPS alla Festa della Polizia

Si è svolta il 22 maggio a Roma la cerimonia nazionale per i 163 anni di fondazione della Polizia di Stato. La giornata è iniziata con la deposizione di una corona al Sacrario, in ricordo di tutti i caduti della Polizia, da parte del Ministro dell'Interno Angelino Alfano accompagnato dal Capo della Polizia Alessandro Pansa. Dopo questo primo importante momento, una delegazione di allievi poliziotti, accompagnati dal Prefetto Pansa, sono saliti al Quirinale dove sono stati ricevuti dal Capo dello Stato Sergio Mattarella. Nel suo intervento, il Capo dello Stato ha elogiato anche gli sforzi della Polizia nel contrasto del crimine informatico e il generoso impegno in occasione degli afflussi di migranti.

 

Il Ministro Alfano saluta il Preside te ANPS Savarese

 

Le parole del Ministro Alfano

La giornata è poi proseguita all'interno della caserma "Ferdinando di Savoia" dove, alla presenza di poliziotti, dei responsabili delle Direzioni centrali del Dipartimento della pubblica sicurezza, delle autorità civili e militari e di una rappresentanza ANPS, il Ministro dell'Interno Alfano, accompagnato dal Capo della Polizia Pansa, ha passato in rassegna i reparti schierati. Nel corso del suo intervento, il Ministro Alfano, riferendosi all'ordine pubblico ha dichiarato che va alla Polizia l'attestato per quanto riguarda la competenza. Alfano ha ricordato che negli ultimi 12 mesi ''Nessun tributo di sangue è stato versato'' in occasione di manifestazioni nelle città italiane ''e se questo è successo, è stato perché c'è chi si è dimostrato bravo a gestire l'ordine pubblico''. Alfano ha proseguito dicendo che “Oggi noi facciamo un po' di consuntivo rispetto allo scorso anno, rispetto alla precedente festa della Polizia. E come tutti i consuntivi la prima domanda da porsi è se grazie a voi questo Paese rispetto all'anno scorso è meno sicuro o più sicuro. La risposta è che è più sicuro".

 

 

 

 Il messaggio del Capo della Polizia

Dopo il saluto al Ministro, a tutte le autorità intervenute e agli appartenenti all'Associazione Nazionale della Polizia di Stato, il Prefetto Pansa ha sottolineato come "sul fronte dell'ordine pubblico, che è nostra responsabilità specifica, il bilancio è eccellente. In una fase di acute tensioni sociali, siamo riusciti a garantire lo svolgimento di quasi 10 mila manifestazioni dando a tutti la possibilità di esprimersi liberamente. Il capo dello Stato, in occasione di questa Festa, conferisce alla nostra bandiera la medaglia d'oro proprio per l'Ordine pubblico".

A conclusione della cerimonia, il Ministro ha consegnato le onorificenze a quei poliziotti che si sono distinti per le azioni non comuni e l'alto senso del dovere. La Medaglia d'oro al valor civile è stata assegnata al Sostituto commissario Roberto Mancini, per la lotta alle ecomafie. Nel pomeriggio, la giornata delle celebrazioni si è conclusa il cambio della guardia al palazzo del Quirinale, da parte di un reparto schierato in uniforme storica. Ad accompagnare il reparto la Banda musicale della Polizia di Stato, che al termine del passaggio delle consegne ha eseguito un breve concerto per i cittadini presenti.

 

 

(testi a cura dell’Ufficio Relazioni esterne della Polizia di Stato. Per le foto si ringrazia il Servizio foto-cineoperatori della Polizia di Stato)