Cerimonia per le vittime delle Foibe e il commissario Palatucci

Si è svolta il 10 febbraio a Tortona, in occasione dei 70 anni della sua scomparsa, la cerimonia in ricordo dell’ultimo Questore di Fiume Giovanni Palatucci, davanti al monumento dedicatogli dalla sezione dell’ANPS. Insieme ai tanti soci ANPS, accompagnati dal Presidente Aldo Verrea, e dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), erano presenti gli alunni di due classi scolastiche del Liceo Scientifico e Scuola Media di Tortona, il sindaco Gianluca Bardone e l'Assessore alla cultura Marcella Graziano. Dopo la deposizione di una corona di fiori davanti al monumento e la benedizione di don Augusto Piccoli, cappellano della Polizia di Stato e referente per il Piemonte e la Valle D'Aosta dell'Associazione "Giovanni Palatucci", il socio Salvatore Palermo, esule istriano, ha raccontato la sua esperienza durante quei terribili anni. Nella stessa giornata, poiché il 10 febbraio ricorre la Giornata del Ricordo Esodo e Foibe, con la quale lo Stato riconosce la tragedia dei 350.000 italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia, vittime delle foibe e dell’esodo, la cerimonia è proseguita nella vicina Caserma Passalacqua, dove nel corso dell’esodo furono ospitate centinaia di famiglie; qui è stata deposta una corona sulla lapide eretta dal Comune di Tortona. La data del 10 febbraio è stata scelta per ricordare la firma del Trattato di Pace del 1947, in conseguenza del quale l’Italia dovette cedere gran parte della Venezia Giulia alla Jugoslavia di Tito. Una messa a suffragio di tutte le vittime poi è stata celebrata da don Augusto Piccoli nella chiesa dedicata a San Michele.