Firenze ed Empoli commemorano quattro valorosi poliziotti

Anni Settanta, gli anni definiti "anni di piombo", durante i quali la Polizia pagò un grosso tributo di sangue nella lotta al terrorismo rosso e nero. Firenze ed Empoli hanno voluto ricordare quattro valorosi poliziotti colpiti a morte in quei terribili anni. Il 24 gennaio 1975, ad Empoli, un cinico terrorista legato all’estrema destra fece fuoco su tre poliziotti del Commissariato di Empoli, Leonardo Falco, Giovanni Ceravolo e Arturo Rocca, recatisi a fare un controllo presso la sua abitazione; Falco e Ceravolo morino sul posto, Rocca rimase gravemente ferito. Tre anni dopo, il 20 gennaio 1978, esponenti di Prima Linea colpirono a morte Fausto Dionisi, accorso a bordo di una volante sul luogo dove si stava consumando un tentativo di evasione di alcuni criminali terroristi. Martedì 20 e sabato 24 gennaio, alla presenza di autorità, familiari dei caduti e colleghi, sono state commemorate le quattro vittime del dovere, decorate alla memoria, i cui nomi sono scritti sull’Albo d’oro della Polizia di Stato. Alle commoventi cerimonie era presente una numerosa rappresentanza della sezione ANPS di Firenze, guidata dal presidente Sergio Tinti.